IL LAVORO SOTTERRANEO DELLA NATURA – Mostra

Eventi, Mostre temporanee

Dal 19 al 27 giugno 2021 l’Orto Botanico di Bergamo “Lorenzo Rota ospita una mostra di arte ambientale che intreccia arte contemporanea e Natura in un percorso di dialogo tra le specie vegetali e le installazioni di 5 artisti.

IL LAVORO SOTTERRANEO DELLA NATURA – PRIMA EDIZIONE

Installazioni di Daniele Barzaghi, Patrizia Bonardi, Helene Foata, Gaetano Fracassio, Maria Cristina Galli

Sabato 19 giugno 2021 – h. 17:30 inaugurazione.

Sezione di Città Alta, Scaletta di Colle Aperto

Saranno presenti gli artisti e la curatrice. Prenotazione obbligatoria al  seguente link https://www.eventbrite.it/e/biglietti-il-lavoro-sotterraneo-della-natura-prima-edizione-158600990833

La mostra sarà visitabile, con ingresso libero e gratuito,  tutti i giorni fino

al 27 giugno 2020 ore 10:00/20:00


Scrive la curatrice della mostra Valeria Vaccari :

“Mentre noi Umani assistevamo inermi alla pandemia osservando il mondo da una finestra o su un balcone, la Natura riprendeva i suoi spazi indisturbata, il suo ciclo vitale di gemmazione, fioritura, fruttificazione e infine di apparente silenzio nei mesi invernali continuava indifferente. Il lavoro sotterraneo si manifestava con piccoli segni, quasi invisibili ai nostri occhi. La visione antropocentrica crollava di fronte ad un virus invisibile, ma la Natura non se ne è nemmeno accorta. Quanto all’arte, rinchiusa in un tempo sospeso, si è estesa nel paesaggio interiore di ogni artista, negli anfratti della memoria, nel prima e nel dopo la pandemia. Una moltitudine di solitudini, ignorate e vilipese come i vivi, eclatanti e annunciate come i morti.

“Sono molto contenta che l’Orto Botanico, che rappresenta lo spazio museale naturale più importante della nostra città, si arricchisca di questo inedito percorso artistico che propone una serie di interessanti installazioni ispirate al tema del rapporto tra dimensione umana e natura, una relazione ma anche contrapposizione che il difficile periodo della prima emergenza pandemica ha portato straordinariamente alla luce. – dichiara l’Assessora al Verde pubblico del Comune di Bergamo Marzia Marchesi – Sono certa che “Il lavoro sotterraneo della natura” sarà nuova occasione di riflessione su tutti quei temi come l’armonizzazione tra i propri ritmi e quelli della natura, l’acquisizione di una cultura del verde, la sostenibilità ambientale in contesti urbani che con L’Orto Botanico stiamo sostenendo attraverso diverse progettualità che oggi diventano anche artistiche.”


AUTORI DELLE OPERE IN  MOSTRA 

DANIELA BARZAGHI, vive e lavora a Milano, nel 1987 si diploma all’Accademia di Belle Arti di Brera. La Natura e le forme archetipe dell’Umano sono un pensiero ricorrente nelle sue opere sotto forma di simbolo, segno evocativo, scrigni e feritoie che alludono e conservano, reperti e tracce di organico mescolati alla cartapesta, il suo materiale di elezione.

PATRIZIA BONARDI, bergamasca, si diploma all’Accademia di Belle Arti G.Carrara con una tesi sul possibile dialogo fra artisti e sociologi. È fondatrice dell’associazione Artists.Sociologists e del centro no profit BACS di Leffe. La sua ricerca si interessa soprattutto di tre tematiche: quella femminile, ambientale e di integrazione attraverso installazioni, video arte e disegno. 

GAETANO FRACASSIO, nasce a Bitonto nel 1962 ma vive e lavora da anni a Milano. Autodidatta, scopre giovanissimo, come egli stesso afferma, “l’arte, come esigenza psicofisica di sopravvivenza”. La sua ricerca prosegue tra fotografia, pittura, scultura e comunicazione audiovisiva.
MARIA CRISTINA GALLI nasce a Milano nel 1966, insegna alla Accademia di Brera come titolare della cattedra di anatomia artistica. Da più di 20 anni il suo lavoro insegue il filo rosso di una scrittura sotterranea, anima oggetti inanimati per trasformarli in scultura, una ricerca lenta e potente che parte dalla carta attraversa il colore e arriva all’oggetto che riprende vita attraverso la Memoria e il Ricordo e diventa testimone di epoche, di generazioni, di silenziosa quotidianità. 

HELENE FOATA nasce a Parigi nel 1974, ma vive ad Asiago, si è formata in ebanisteria d’arte, nel 2001 inizia la sua attività di scultrice nel suo studio a Parigi. Attualmente si occupa di scultura con materiale plurimaterico, installazioni ambientali e digital art. 

Il progetto è itinerante, le prossime sedi saranno Paderno Dugnano e Cremona

Massimo 50 persone in contemporanea, obbligo di mascherina e distanziamento.

info: email: ortobotanico@comune.bg.it  tel. 035 286060

Scarica la locandina in pdf Il lavoro sotterraneo della natura

Il Lavoro sotterraneo della Natura