DE-PAVIMENTIAMOCI! – Prove di riconciliazione tra costruito e naturalità – atelier espositivo 

Eventi, Mostre

In occasione della manifestazione “I MAESTRI DEL PAESAGGIO”  ed in collaborazione con  Dipartimento di Ingegneria e Scienze Applicate dell’Università di Bergamo,  Vi presentiamo:

DE-PAVIMENTIAMOCI! – Prove di riconciliazione tra costruito e naturalità – atelier espositivo 

dal giovedì 16 settembre 2021 fino al 26 settembre

tutti i giorni dalle ore 10:00 -13:00 e dalle 15.00 alle 18:00
Sala Viscontea – Passaggio Torre di Adalberto 2,
Città Alta – Bergamo

Il progetto “De-PavimentiamoCI: prove di riconciliazione tra costruito e naturalità” è frutto dell’esperienza maturata nell’ambito di studi e di ricerche interdisciplinari – sui temi dell’analisi del costruito, del riuso degli spazi della città, del progetto e della rappresentazione della naturalità e delle aree verdi – in contesti a forte compromissione dei suoli. Isole di calore urbane, inondazioni, perdita di biodiversità, sono solo alcuni dei problemi che colpiscono le nostre città imputabili all’impermeabilizzazione del suolo, ovvero alla copertura dei terreni con materiali che ne compromettono il naturale ruolo di regolazione dell’ecosistema.

Le iniziative proposte intendono trattare il tema della de-impermeabilizzazione del tessuto urbano (desealing, depaving ecc.) evidenziando i differenti benefici ecologi, termici, idraulici e di conservazione e salvaguardia offerti da questo tipo di approccio. Con queste azioni, da tempo sostenute e promosse a livello nazionale ed internazionale, si identificano gli interventi finalizzati alla rimozione di piani impermeabili o di strutture edilizie con il conseguente dissodamento del terreno e l’asportazione del materiale estraneo, condizione sostanziale per riattivare alcune condizioni possedute dalle superfici prima della loro trasformazione.  L’attività di Public Engagement è incentrata, principalmente, su quattro importanti azioni che hanno lo scopo di sensibilizzare la cittadinanza al tema ambientale del rispetto del territorio, nonché nel coinvolgerla in una riflessione globale sull’utilizzo rispettoso e consapevole del suolo e nella promozione di nuove forme di naturalità.

L’Atelier Espositivo è il cuore del progetto, non una semplice mostra ma uno spazio aperto alla città per un pubblico ampio ed eterogeneo invitato a svolgere esperienze didattiche e di studio; un luogo dove apprendere, sperimentare. Attraverso esempi di interventi finalizzati alla riduzione delle superfici urbane impermeabili, l’evento espositivo presenta i temi del depaving e del desealing come soluzione sostenibile per consentire alla città di rigenerarsi dal punto di vista ecologico.

La Sala Viscontea in Città Alta accoglierà per diversi mesi, sia pannelli info-grafici e installazioni che avranno l’obiettivo sia di illustrare il tema, sia laboratori che di volta in volta saranno organizzati e che genereranno idee, disegni, pensieri nei giovani partecipanti. Un evento espositivo in continuo divenire, che crescerà e si completerà durante il suo esistere con le idee che saranno messe in gioco, nell’ambito di una partnership recentemente sottoscritta tra il Dipartimento di Ingegneria e Scienze Applicate dell’Università degli studi di Bergamo e l’Orto Botanico “Lorenzo Rota” del Comune di Bergamo.

A CURA DI:
Alessio Cardaci, professore di Disegno e Rilievo e restauro presso Dipartimento di Ingegneria e Scienze Applicate dell’Università degli Studi di Bergamo.
Emanuele Garda,ricercatore in Tecnica e pianificazione urbanistica presso il Dipartimento di Ingegneria e Scienze Applicate dell’Università degli Studi di Bergamo
Gabriele Rinaldi, direttore Orto Botanico di Bergamo.

Comitato Scientifico:

Fulvio Adobati, Pietro Azzola, Paolo Buffo, Renato Ferlinghetti, JacopoGhezzi, Giulio Mirabela Roberti, Virna Nannei, Alessandra Pellegrino, Riccardo Rao, Giuseppe Rosace, Francesco Sala, Federico Zoni, Francesco Zonca.

Si ringrazia Vitali spa

Info utili:

Numero massimo di visitatori consentito in contemporanea: 20.
Obbligo di mostrare il green pass, in formato digitale o cartaceo, e un documento di identità. Le disposizioni non si applicano ai bambini di età inferiore ai 12 anni e ai soggetti esenti sulla base di idonea certificazione medica. (decreto-legge 23 luglio 2021, n.105)

Rassegna stampa 

https://www.ecodibergamo.it/stories/eppen/extra/green/de-pavimentiamoci-a-bergamo-una-mostra-laboratorio-per-immaginare-un-nuovo-rapp_1407103_11/